Lo scaffale

Ercole Ongaro, NELLA GIACOMELLI Un'anarchica controcorrente. Editore Zero in Condotta, Milano, 2019, pagine 187

Di Pierino Marazzani , maggio 2020 | 30.05.2020


Ottimo saggio biografico su questa importante figura di politica e scrittrice anarchica atea-anticlericale (1873-1949). Fu sempre coerente nelle sue idealità laiciste fino alla fine della sua vita, infatti volle funerali senza preti ed essere cremata. Cofondatrice nel 1920 del quotidiano “Umanità Nova”, ancora oggi esistente sotto forma di settimanale, mise tra i propositi della redazione “lotta contro l'ignoranza, contro la menzogna religiosa”. Fu sentimentalmente legata a Ettore Molinari (1867-1926) famoso professore di chimica “che negava Dio come un assurdo assoluto”.

In una sua lettera dal carcere, ove era ingiustamente detenuta nel 1928 per motivi politici, confessò: “sono una miscredente. Lo spettacolo delle infinite brutture umane mi ha allontanato dall'idea di un Dio onnipotente o onniveggente”.

Comunque fin da adolescente fu “indifferente o ostile alla religione” e già dai suoi primi articoli su periodici anarchici ribadiva che “le cause fondamentali della schiavitù e dell'abiezione dei popoli sono identificabili nei sentimenti religiosi”.

Sosteneva il “libero amore” e giudicava “stolta la religione”, con il leader anarchico Malatesta ebbe un'aspra polemica politica, ma sull'anticlericalismo erano d'accordo: “Guerra alle religioni”!

Nel 1926 fu gravemente colpita, anche nei suoi affetti personali, dalla morte precoce e improvvisa di Ettore Molinari, il quale fu ateo coerente fino all'ultimo, rifiutando ogni funzione religiosa ai suoi funerali: “Nessun accompagnamento funebre”.

Nella si occupò ovviamente anche dell'emancipazione della donna da millenarie discriminazioni di ogni genere, soprattutto di matrice cattolica:

“Tale pregiudizio si presentava irrobustito dal pregiudizio religioso, veicolato dalla religione e dalla chiesa che imponeva una morale di sottomissione alla donna in ogni ambito”.

Pierino Marazzani , maggio 2020

Nessun commento