Grazie a questo metodo non servono più rinunce assurde per la dieta: elimini in un lampo il grasso della pancia

Perdere il grasso della pancia può sembrare davvero impossibile, ma con questo metodo non serve nemmeno la dieta 

È impossibile prendere di mira il grasso della pancia in modo specifico quando si segue una dieta. Ma perdere peso in generale aiuterà a ridurre il girovita; ancora più importante, aiuterà a ridurre il pericoloso strato di grasso viscerale, un tipo di grasso all’interno della cavità addominale che non si può vedere ma che aumenta i rischi per la salute.

Come eliminare (per sempre) il grasso addominale
Come eliminare il grasso addominale in modo naturale (italialaica.it)

David Zinczenko, esperto di nutrizione e autore del libro “Dieta Zero Zuccheri”, ha rivelato i motivi dietro la difficoltà di perdere peso, attraverso ricerche e studi approfonditi. Il vero colpevole è lo zucchero, in particolare gli zuccheri aggiunti, che i produttori alimentari inseriscono in quasi tutto quello che mangiamo.

Semplici modi per mangiare meno zucchero e perdere il grasso della pancia

Secondo David Zinczenko, una persona in media assume 22 cucchiaini o 88 grammi di zucchero aggiunto al giorno. Si tratta di 4 volte il limite di sicurezza per la salute. Concentrandoci sugli zuccheri aggiunti, si possono evitare i picchi di glicemia nel sangue che portano al grasso della pancia, al diabete, alle malattie cardiache, al cancro, alle malattie del fegato, all’affaticamento e alla carie.

Semplici modi per mangiare meno zucchero e perdere il grasso della pancia
Smettere di mangiare zuccheri: benefici per l’organismo (italialaica.it)

Innanzitutto, l’esperto consiglia di evitare gli alimenti con alti livelli di zuccheri aggiunti, che sono chiaramente indicati sulle etichette nutrizionali. Imparare a identificare questi zuccheri può aiutare a evitare di consumarli inavvertitamente. Inoltre è consigliato scegliere la frutta intera anziché i succhi.

D’altra parte, questi ultimi, anche quelli etichettati come “naturali” o “succhi al 100%,” mancano di fibre e possono causare rapidi picchi di zucchero simili a quelli causati dalle bevande analcoliche zuccherate. Allo stesso modo, la ricerca suggerisce di eliminare le bevande zuccherate. Al contrario, bisognerebbe optare per acqua, tè non zuccherato o caffè nero invece di bibite gassate, succhi di frutta o altre bevande che contribuiscono in modo determinante al consumo eccessivo di zucchero.

Per iniziare la giornata, l’esperto consiglia uova o cereali integrali senza zuccheri aggiunti. Una colazione ricca di proteine può aiutare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue durante la mattinata, riducendo l’appetito e fornendo energia sostenuta.

Anche mangiare più proteine magre può aiutare a gestire la fame e a ridurre il desiderio di zucchero. Gli alimenti ricchi di proteine richiedono più tempo per essere digeriti e possono aumentare la sensazione di sazietà. L’esperto consiglia di cucinare in casa i pasti. Infatti, molti ristoranti aggiungono quantità significative di zucchero ai loro piatti per esaltarne il sapore.

Infine, se si ha bisogno di addolcire cibi o bevande, è consigliato optare per piccole quantità di dolcificanti naturali come miele o sciroppo d’acero. Sebbene questi dolcificanti siano naturali, contengono comunque zuccheri che possono far aumentare la glicemia. Dunque, occorre utilizzarli con parsimonia.

Impostazioni privacy