lo scaffale

Gaetano Salvemini, “LA SINISTRA E LA QUESTIONE MERIDIONALE”, RCS Quotidiani S.p.A., Milano 2011

Di Newsletter PerNonMollare | 19.12.2011


Il 1911 è un anno particolare per Gaetano Salvemini. Abbandona il Partito Socialista perché dissenziente per la scarsa attenzione manifestata nei confronti della guerra tripolina, lascia la collaborazione con Prezzolini a “La Voce” perché la rivista era troppo teorica per quella contingenza politica, fonda la sua rivista “L’Unità” la cui testata portava il sottotitolo “Problemi della vita italiana.” Beniamino Finocchiaro, nella prefazione ad una raccolta di articoli del settimanale pubblicato da Neri Pozza nel 1958, scriveva: “Il più coraggioso tentativo di reazione contro la pigrizia mentale, la quasi ripugnanza degli intellettuali e dei politicanti italiani ad occuparsi sul serio dei problemi concreti che si accumulavano nella vita del Paese.”
Ritengo la figura di Salvemini un esempio di democratico e di liberale e non di socialista perché il politico pugliese (era nato a Molfetta nel 1873 e morì a Sorrento nel 1957) non ricompose mai la frattura del 1911 con il partito socialista, anzi ritornato in Italia, dopo l’esilio e la caduta del fascismo, fu un collaboratore fondamentale della rivista liberale “Il Mondo” di Mario Pannunzio.
Il testo che oggi segnalo contiene una raccolta di vari scritti di Salvemini relativamente ad un periodo molto limitato: tra il 1898 e il 1914. Il politico pugliese scriveva su “L’Unità” il 2 maggio 1913 (“Quel che ‘L’Unità’ non può dare e quel che vuol fare”): “La crisi presente dei partiti
democratici non può essere eterna. O prima o poi le masse dei partiti democratici ritroveranno nuovi slanci di sentimento, nuove necessità di battaglie.
Per quel momento è necessario impedire ai vecchi somari e commedianti della democrazia di ripetere le esperienze del decennio trascorso. Per quel momento è necessario che i morti abbiano già sepolto i loro morti, che i vecchi  condottieri sieno irreparabilmente discreditati e disfatti come si meritano, che le moltitudini abbiano già presa l’abitudine di combatterli come conservatori e non affidare alle loro mani i loro destini come ‘rivoluzionari’”Questo è un insegnamento valido anche oggi. I riformatori devono avere la pazienza di aspettare tempi migliori avendo, però, la determinazione di tentare di diventare protagonisti quando i tempi saranno maturi.
Il testo del discorso pronunciato al Congresso della Federazione Nazionale Insegnanti Scuole Medie tenutosi a Napoli nel settembre del 1907, prova il tasso di liberalismo del pensiero di Salvemini. Non per nulla quel discorso è intitolato “Che cos’è la laicità”. Diceva il politico pugliese: “La scuola laica non deve imporre agli alunni credenze religiose, filosofiche o politiche in nome di autorità sottratte al sindacato della ragione. Ma deve mettere gli alunni in condizione di potere con piena libertà e consapevolezza formarsi da se le proprie convinzioni politiche, filosofiche, religiose.
E’ laica, insomma, la scuola in cui nulla si insegna che non sia frutto di ricerca critica e razionale, in cui tutti gli studi sono condotti con metodo critico e razionale, in cui tutti gli insegnamenti sono rivolti a educare e rafforzare negli alunni le attitudini critiche e razionali.”
Gaetano Salvemini si è distaccato dal Partito Socialista di Turati nel 1911 però all’XI congresso, svoltosi l’anno precedente, preparò una relazione sul problema della riforma elettorale al quale il partito, sino ad allora, non aveva prestato molta attenzione.Scriveva in quella relazione: “Un partito deve saper classificare e graduare le proprie esigenze … dando ad una riforma o ad un gruppo di riforme … la precedenza sulle altre. Un partito che non sa fare questa scelta … è un partito che non sa quel che si voglia, che vuole troppo e non stringe nulla, al quale manca il senso della realtà e la capacità di adeguare l’opera alla realtà stessa.”
Poi proseguiva: “O noi continuiamo a credere a quella che è la teoria fondamentale del socialismo, che cioè l’emancipazione dei lavoratori non può venire se non attraverso un continuo sforzo di conquista compiuto dalla stessa classe lavoratrice e nel campo economico e nel campo politico: e in questo caso non possiamo rimanere indifferenti dinanzi a un sistema elettorale, che priva la grande maggioranza della classe lavoratrice del più importante fra i diritti politici; dobbiamo riconoscere che non è stato un capriccio, se in tutti i paesi il partito socialista, non appena costituitosi, ha concentrate le sue forze nella conquista del suffragio universale; e non possiamo sperare che il movimento socialista italiano, ‘se vuol rimanere socialista’, possa sottrarsi a questa necessità elementare di ogni movimento proletario.”
La centralità politica della legge elettorale significa, anche oggi, la centralità dei diritti politici: i diritti politici sono la premessa necessaria e non sufficiente per qualsiasi riforma.
Salvemini è ricordato soprattutto quale meridionalista. Scriveva tra il 1898 e il 1899: “Alle tre malattie, che abbiamo fuggevolmente descritto, ossia la malattia dello Stato accentratore, la oppressione economica in cui l’Italia meridionale è tenuta dall’Italia settentrionale, e infine la struttura sociale semifeudale, è possibile recare un rimedio? … Finché nel Mezzogiorno stesso non si determinerà un movimento energico, costante, organico, che abbia lo scopo di attuare tutte quelle riforme, che per ora non sono che pii desideri degli studiosi.” 
Gaetano Salvemini constatava con amarezza non solo l’esistenza di una “Questione meridionale” ma anche di una “Questione settentrionale”: “I nordici disprezzano, come dicon essi, i sudici; e i sudici detestano con tutta l’anima i nordici: ecco il prodotto di quarant’anni d’unità.”
A differenza di altri meridionalisti che invocavano l’intervento dello Stato per affrontare la “Questione meridionale” il politico pugliese sosteneva che la soluzione dei problemi dei meridionali doveva essere nella disponibilità dei meridionali: infatti era un federalista convinto.(bl)
INDICE: I. La questione meridionale – II. Socialismo e questione meridionale –
III. Cultura e laicità – IV. “L’Unità” – Nota biografica – Nota bibliografica

 

Nessun commento