editoriale

ALLA DERIVA DEL SAPERE

Di Giovanni Fioravanti | 29.11.2018


Il sapere non sta attraversando un buon momento. Gli apprendisti stregoni si moltiplicano. Quasi che il sapere anziché renderci liberi ci trasformi in vittime della sua tirannia.

Che il momento non sia favorevole al sapere, ci aveva già avvertito Tom Nichols con il suo “La conoscenza e i suoi nemici”, riecheggiando “La società aperta e i suoi nemici” di Karl Popper. Perché ciò a cui si guarda con sospetto e con resistenza sono sempre i passi che si fanno verso il cambiamento, verso il futuro che ti porta via quello che avevi prima.

È lo stesso meccanismo del sapere che ti priva dell’ignoranza e, a volte, ti accorgi che sarebbe stato molto più comodo non sapere. Non possiamo più tornare alla presunta ingenuità e bellezza della società chiusa, il nostro sogno del cielo non può essere realizzato sulla terra. Platone ci ha fregato.

Diffidare del sapere ha fatto sempre bene alla narrazione umana che non avrebbe potuto progredire senza interrogarsi del proprio sapere, ma a sapere bisogna contrapporre sapere e non congetture.

È la società chiusa che nega che il sapere accumulato dalla tradizione possa essere falsificato. O si possa anche solo pensare di metterlo in questione, sono le sette, le chiese e le confraternite, che non ammettono altro al di fuori di sé. Come il populismo e il sovranismo, propri delle società chiuse, nemiche delle società aperte.

Ma se possiamo dubitare e mettere in discussione la scienza, lo dobbiamo alla ragione cartesiana e illuminista, alla fiducia nella razionalità dell'uomo che ha portato la società occidentale a diventare per prima una società aperta, una società che ha reso libere le facoltà critiche della persona.

Sono le nostre capacità di usare la ragione che ci hanno consentito di progredire mettendo in discussione i nostri saperi. Ma la ragione dell’uomo ha bisogno di fatti, non di opinioni, della ricerca e della scoperta, per riprendere altre strade ancora verso la ricerca e la scoperta di altri saperi, non di sentenze e tanto meno di pregiudizi.

Quando veniamo al mondo compiamo l'ingresso nella cultura del nostro tempo per partecipare alla sua narrazione e diventarne a nostra volta gli autori. È a scuola che apprendiamo a leggerne e a scriverne le pagine. Per questo nessuno può appropriarsi della scuola, perché quella narrazione appartiene a tutta l’umanità che l’ha composta e che continua a comporla dai vari luoghi del pianeta.

Quando si teme il sapere, i primi sintomi vengono dalle scuole. È la narrazione collettiva a correre i maggiori pericoli.

I sacerdoti della società chiusa si muovono con le loro liturgie e i loro anatemi. La nuova eresia che non deve entrare tra la narrazione dei saperi delle nostre scuole è oggi la teoria gender.

Il ministro gialloverde, titolare del Miur, ha decretato con circolare a tutte le istituzioni scolastiche che di “gender” nelle scuole non si deve parlare senza il consenso delle famiglie, come non è possibile realizzare altri progetti, al di fuori delle discipline canoniche, se non c’è il benestare delle famiglie. Il diritto al sapere, dunque, appaltato e sequestrato dalle famiglie.

La scuola non più il luogo della narrazione collettiva, il luogo dell’ingresso nella cultura, il luogo della negoziazione dei significati, ma luogo di sudditanza e di manipolazione, asservito a un culto della famiglia reazionario, conservatore e ignorante. La scuola come luogo della democrazia e dei saperi contingentati.

Il luogo dell’ipocrisia imposta come diritto dei genitori di tenere in ostaggio le menti dei figli, nel luogo dove i saperi devono essere aperti, nel luogo in cui ricevere le risposte alle domande, che non possono certo celare i loro interrogativi solo perché i genitori non vogliono.

La paura del sapere striscia in modo allarmante e soffia alle porte e alle finestre delle nostre scuole. Una riforma non detta si fa strada e da tempo attendeva il suo apprendista stregone. Alcune parole già iniziano a sguizzare nell’aria per familiarizzare con le orecchie delle persone. E allora ecco la “regionalizzazione”, l’apprendimento per “argomenti” anziché per “discipline”.  Tutto un repertorio con l’intento non dichiarato di ridurre le scuole a misura della propria società chiusa, del no ai saperi che non siano quelli delle proprie tradizioni, delle proprie certezze e differenze, dei propri crocifissi e presepi da imporre con la forza delle leggi locali.

Non più la scuola pluriculturale per una società aperta. Ma una scuola sovranista, monoculturale, per una società chiusa.

Non più la scuola della grande narrazione comune a tutta l’umanità, per questo comunità di destino, per questo comunità dell’incontro con l’altro. Il luogo in cui la narrazione dei saperi  consente a generazioni di  bambine e di bambini, di ragazze e di ragazzi  di ricercare la risposta a Chi sono io? Chi sei tu?

Una scuola che ora, in nome della regionalizzazione, in realtà aspirerebbe a difendersi dai corpi estranei, che siano saperi nuovi e vecchi, docenti o discenti di altri terre geografiche e culturali.

La deriva dei saperi comporta la deriva della cultura e delle conquiste democratiche, motivo per cui i saperi e i loro luoghi sono i primi ad essere presi di mira dal populismo e dal sovranismo delle società chiuse. Restare vigili è il nostro dovere.

2 commenti

ar:

Ognuno di noi ha, dentro la propria intima essenza, il bene, ma purtroppo anche il male. E' mia ferma convinzione che, per allontanare il male dalla natura umana, ci sia bisogno di una cultura diversa da quella finora caldeggiata. Non una monocultura falsa, pregiudiziale, populista, sovranista, nazionalizzata o peggio ancora regionalizzata, che ha il proprio fulcro nelle tradizioni, ma una pluricultura vera, aperta, illuminista, planetaria, che abbia il proprio fulcro nella scienza e nella consapevolezza critica della propria epoca. La narrazione, comune e collettiva, di questa cultura non può che appartenere alla scuola, ma il diritto ad essa deve superare le barriere secolari innalzate da un modello chiuso di famiglia e società. Solo così, a mio avviso, sconfiggeremo il male.

martina franca:

Bello il commento di "al" all'altrettanto interessante articolo. Il lavoro ipotizzato e considerato necessario dal commentatore è, prorpio perchè intelligente e lungimirante, è impossibile, se non nei tempi lunghi. Troppa l'ignoranza, l'egoismo, la mancanza di lungimiranza di noi esseri umani. La trasformazione dovrebbe iniziare dalla scuola, ma anche nella scuola gli insegnanti di pregio umano (non mi riferisco a quello specifico delle diverse materie) sono una minoranza insignificante. Comunque dal tempo della discesa dagli alberi di strada se ne è fatta e confidiamo in una umanizzazione il più diffusa possibile. Totale penso che non ci sarà... finiremo prima.