"DA GESÙ A RATZINGER. IDEALE EVANGELICO E CATTOLICESIMO REALE", DI ELIO RINDONE

Di Redazione | 27.01.2015


Incoraggiati, come siamo, dal successo avuto, in termini di apprezzamento e di numero di e-book scaricati, dall'opera presentata a gennaio ("Laicità è democrazia", di Marcello Vigli), eccoci puntuali ad assolvere ed arricchire l'impegno assunto quest'anno di offrire ai nostri lettori alcuni lavori che consideriamo particolarmente interessanti.

Vi auguriamo una buona lettura con l'auspicio che possa essere anche fonte di commenti e discussione.

Mirella Sartori

Di seguito la presentazione che Elio Rindone fa al suo "Da Gesù a Ratzinger. Ideale evangelico e cattolicesimo reale":
Nel corso dell’ultimo decennio ho pubblicato una serie di articoli, quasi tutti sul sito www.italialaica.it o sulla rivista Critica Liberale, riguardanti le scelte dottrinali e politiche del Vaticano e la loro coerenza con i testi evangelici (che forse, per altro, contengono essi stessi pagine discutibili).

Questi articoli hanno suscitato, a giudicare dalle mail che ho ricevuto, un apprezzamento che è andato al di là delle mie aspettative. Ho pensato, quindi, su suggerimento di alcuni lettori, di pubblicare un libretto che li raccogliesse, rendendone più agevole la consultazione. Anche se scritti in occasione di dichiarazioni pontificie o di contingenze della politica italiana, credo infatti che questi articoli conservino una loro attualità in quanto, letti uno dopo l’altro, consentono una valutazione complessiva del recente operato delle gerarchie ecclesiastiche.

In un panorama caratterizzato dalla crescente influenza vaticana sulla società, il pregio di questa pubblicazione potrebbe essere quello di fornire al lettore informazioni che difficilmente possono essere reperite sui media italiani, di solito compatti nel censurare le voci critiche.

I temi trattati sono vari ma hanno evidentemente delle affinità, per cui è possibile trovare delle ripetizioni. Ma ho preferito mantenere i testi come erano stati pubblicati, limitandomi a piccoli ritocchi, per non compromettere l’autonomia dei singoli articoli.

 

Nessun commento