Modi vuole rendere l’India più produttiva della Cina: ecco come

Il Primo Ministro indiano Narendra Modi prevede una serie di misure pro-imprese se vincerà un terzo mandato questa settimana.

Tra queste, ci sono regolamenti che semplificheranno l’assunzione e il licenziamento dei lavoratori, secondo due funzionari governativi a conoscenza della questione.

Come parte della sua promessa elettorale di trasformare l’India in un hub manifatturiero globale, Modi intende offrire sussidi per la produzione nazionale, simili ai recenti pacchetti per le aziende di semiconduttori e produttori di veicoli elettrici, hanno riferito i funzionari, che hanno richiesto l’anonimato poiché non autorizzati a parlare con i media.

Il Primo Ministro indiano Narendra Modi vuole rendere l’India più produttiva

Il premier ha in programma anche di ridurre le tasse di importazione sui fattori di produzione chiave per i beni prodotti localmente, che attualmente aumentano i costi di produzione in India, secondo i funzionari.

L’ufficio di Modi e i ministeri del Lavoro e delle Finanze non hanno risposto alle domande di Reuters. Secondo gli exit poll, la coalizione di destra guidata dal partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (BJP) di Modi dovrebbe ottenere una grande maggioranza quando i risultati delle elezioni saranno annunciati il 4 giugno.

La campagna di rielezione di Modi è stata in parte costruita sulla promessa di un continuo sviluppo economico. Sta proponendo l’India come un’alternativa per le aziende globali che diversificano le loro catene di approvvigionamento dalla Cina.

Primo ministro dell'India Narendra Modi
Primo ministro dell’India Narendra Modi – ANSA – Italialaica.it

 

L’India è la grande economia in più rapida crescita al mondo, ma questo include sia un settore tecnologico in piena espansione che un’economia più vecchia in difficoltà, che non offre abbastanza posti di lavoro a tutti gli altri, ha detto Josh Felman, ex capo dell’ufficio del Fondo Monetario Internazionale in India.

“Ciò che si può fare ora per fornire occupazione – buoni posti di lavoro per queste persone – è la produzione”, ha detto Felman. L’India ha attirato con successo i fornitori delle principali aziende statunitensi, come Apple Inc. e Google di Alphabet Inc. Ma meno del 3% del settore manifatturiero globale si svolge nel Paese più popoloso del mondo, rispetto al 24% della Cina, secondo i dati della Banca Mondiale.

Il Governo prevede di aumentare la quota dell’India nella produzione globale al 5% entro il 2030 e al 10% entro il 2047, secondo un documento interno visionato da Reuters.

L’agenzia Reuters ha parlato con 15 persone – tra cui burocrati, rappresentanti di importanti investitori, economisti e sindacalisti – che hanno identificato tre ostacoli significativi che frenano l’India dallo status di hub manifatturiero: leggi restrittive sul lavoro, difficoltà nell’acquisizione di terreni e un regime tariffario rigidamente inefficiente.

Quando Modi era capo ministro del suo Stato natale, il Gujarat, tra il 2001 e il 2014 sognò una zona di investimento nella regione di Dholera.

La legislazione per la creazione della Regione Speciale di Investimento di Dholera (DSIR) è stata approvata nel 2009 e le autorità locali hanno iniziato ad acquisire terreni per questa zona nel 2013. Il piano, ha detto Modi durante una visita del 2011 a un porto cinese, era di sviluppare la DSIR secondo il “modello di Shanghai”.

Come Primo Ministro, Modi ha continuato a sottolineare l’importanza delle zone industriali per l’India: a marzo, ha descritto le strutture in costruzione a DSIR come centrali per la creazione di un hub indiano per la produzione di semiconduttori.

In gran parte dell’India, le aziende con più di 100 dipendenti hanno bisogno dell’autorizzazione dei governi statali per assumere e licenziare, impedendo di fatto di adattare le attività delle aziende per soddisfare la domanda dichiara Atul Gupta, partner dello studio legale Trilegal di Bengala.

Il Parlamento controllato dal BJP ha approvato una legge per aumentare la soglia prima dell’approvazione ufficiale a 300, ma le autorità statali che devono acconsentire ai cambiamenti hanno bloccato la mossa. Modi spera che una forte vittoria il 4 giugno gli dia lo slancio e il capitale politico per superare l’opposizione, hanno detto i due funzionari governativi.

“Nessun governo vuole dare l’impressione di dare il permesso a un’azienda di licenziare i propri dipendenti (ma)… questo viene usato solo per trascinare la chiusura o i licenziamenti all’infinito”, ha detto Gupta, che sostiene le riforme del lavoro.

La General Motors, ad esempio, ha deciso di chiudere gli stabilimenti in Gujarat e nel vicino Maharastra nel 2017, citando le basse vendite. Ma i sindacati si sono opposti alle chiusure e GM ha ricevuto l’approvazione giudiziaria per uscire completamente dall’India solo a gennaio.

La casa automobilistica statunitense ha rifiutato di commentare. Per evitare queste difficoltà, le aziende finiscono per utilizzare lavoratori a contratto per periodi prolungati, ha detto l’avvocato del lavoro Amrish Patel.

Gli economisti della HSBC hanno affermato che per sostenere una crescita elevata sono necessari cambiamenti radicali nelle normative sul lavoro e nelle riforme fondiarie.

In una nota agli investitori del mese scorso, l’economista di HSBC Pranjul Bhandari ha scritto che tali riforme potrebbero consentire all’India di crescere al 7,5-8% nel prossimo decennio, creando una grande quantità di posti di lavoro. Ma l’avvocato e leader sindacale Sanjay Singhvi ha affermato che quasi il 60% dei lavoratori che beneficiano delle attuali leggi sul lavoro perderebbe le tutele se i codici del BJP venissero implementati.

Praveen Chakravarty, un alto funzionario di politica economica del Congresso, principale oppositore, ha dichiarato a Reuters che le decisioni in materia di diritto del lavoro dovrebbero essere lasciate agli Stati. Il manifesto del suo partito chiede una revisione dei codici del lavoro approvati dal Parlamento.

I costi di produzione in India sono elevati anche a causa delle tariffe sulle importazioni, compresi i componenti per la produzione di fascia alta: per incoraggiare la produzione di smartphone, Delhi ha tagliato i dazi sulle importazioni di componenti al 10%, ma il concorrente Vietnam applica già un’aliquota compresa tra lo 0% e il 5% sugli input equivalenti, secondo l’India Cellular and Electronics Association.

La tariffa media di importazione imposta dall’India ai membri dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) è stata del 18,1%, rispetto al 7,5% della Cina, secondo i dati dell’OMC per il 2022, l’anno più recente per il quale sono disponibili i dati. Inoltre i processi doganali in Cina sono significativamente più rapidi e meno onerosi, ha affermato Gao.

Le importazioni possono essere sdoganate in Cina in circa 20 ore, ha detto il professore della SMU. In India ci vogliono tra le 44 e le 85 ore, secondo uno studio governativo del 2023. Pechino ha concentrato i suoi sforzi sull’essere un nodo chiave nella catena di approvvigionamento, piuttosto che cercare di possedere l’intera catena, portando a una maggiore efficienza.

Per esempio, i prodotti esportati dalla Cina spesso includono input provenienti da altri Paesi del Nord-Est asiatico, ha detto Christian de Guzman di Moodys Ratings. Ma Delhi “vuole che l’intero prodotto arrivi a terra”, ha detto Guzman.

Impostazioni privacy