Lo Scaffale

Mario Tedeschini Lalli, NAZISTI A CINECITTÀ

Di Pierino Marazzani | 26.09.2022


Casa editrice Nutrimenti, Roma, 2022, pagine 320, euro 17,00

Importante saggio storico poli-biografico, corredato da Indice dei Nomi, frutto di decenni di ricerche archivistiche, filmiche e sul web, di interviste a persone a conoscenza dei fatti e bibliografiche. Per non appesantire il già corposo volume l'Autore ha creato un sito

www.nazistiacinecitta.it

in cui il lettore può trovare tutti i riferimenti citati nel libro.

Grazie a precise ben note complicità dei ministri dell'Interno democristiani e del Vaticano “gli uomini dell'internazionale nera confluiti a Roma da mezza Europa nel tentativo di sfuggire alla giustizia” fanno impunemente “raduni di nostalgici tedeschi nella storica birreria di via della Croce”.

Il testo è ricchissimo di concreti riferimenti alle complicità clerico-fasciste e clerico-naziste:

–     un nazista in fuga ammette che i missini l'avevano accompagnato in un convento di loro fiducia a Fermo (AP)

–     “dignitari vaticani” aiutavano i nazisti in fuga

–     i ministri dell'Interno democristiani mettono un ex dirigente dell'OVRA a capo dell'Ufficio Affari Riservati e occultano tutte le pratiche sui crimini nazisti in Italia in quanto ciò “poteva nuocere al governo della Repubblica Federale”

–     l'attore ex SS Borante Domizlaff era un fedele cattolico e un padre tutto battesimi, cresime e prime comunioni come attestato dall' “album di famiglia” visto personalmente dall'Autore, morì senza alcun pentimento con funerale religioso!

Nel testo si possono trovare circa una quarantina di riferimenti al clerico-nazismo e a complicità dirette e indirette dei governi democristiani e della Polizia di Stato.

Pierino Marazzani, settembre 2022

Nessun commento