Rassegna stampa

24.05.2022, LAICITÀ DELLA SCUOLA news, maggio 2022

Di Coordinamento per la laicità della Scuola | 24.05.2022


Notiziario on line del Coordinamento per la laicità della scuola

Editoriale:
La fretta è cattiva consigliera
Nei tempi cupi in cui ci troviamo a vivere, l’aggressione russa all’Ucraina aggiunge ulteriori elementi di angoscia all’ansia lasciata in eredità da due anni di pandemia. In simili frangenti, la scuola sembrerebbe essere uno degli ultimi luoghi in cui sia possibile non solo ricreare momenti di socialità, ma anche riflettere e confrontarsi, nel non facile tentativo di interpretare la realtà e di comprenderne almeno qualche brandello, evitando di ridurre ad un mero esercizio di tifoseria acritica e faziosa il doveroso compito di schierarsi dalla parte che appare quella giusta al di là di ogni ragionevole dubbio. Eppure ancora una volta non sembra che i decisori politici – fatto salvo qualche proclama retorico sulla centralità della formazione per il futuro dell’Italia e dell’Europa – siano pienamente consapevoli del ruolo insostituibile del sistema scolastico. In particolare, ultima testimonianza di tale tendenza è il Decreto Legge 30 aprile 2022 n.36, che – sotto l’anodino titolo di “Ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza” – alberga, in coda a provvedimenti dedicati agli ambiti più svariati, alcuni articoli finali che introducono novità di rilievo riguardanti il reclutamento, la formazione iniziale e in servizio, nonché+ la progressione di carriera dei docenti. La prima osservazione critica che deve essere mossa al provvedimento riguarda i tempi e il metodo: è pur vero, infatti, che esso deve rispondere alle esigenze poste dal piano europeo Next Generation EU e dunque al PNRR che tale piano è chiamato a declinare a livello nazionale italiano, ma nessuna esigenza di rispetto della tempistica può in alcun modo giustificare il fatto che un Decreto Legge che introduce novità rilevanti nel sistema scolastico sia stato emanato senza alcuna consultazione preventiva delle organizzazioni rappresentative di chi la scuola concretamente la fa, in primo luogo le organizzazioni sindacali e le associazioni professionali dei docenti. In secondo luogo, è triste constatare che ancora una volta assistiamo ad una riforma a costo zero: è infatti previsto che tutti i costi del provvedimento vengano finanziati da un lato con tagli agli organici resi possibili dal previsto calo della popolazione scolastica, rinunciando così a qualsiasi prospettiva di riduzione del numero di allievi per classe o di effettiva utilizzazione di una parte del personale in attività di progettazione; dall’altro attingendo ai fondi attualmente previsti per il cosiddetto bonus docenti, finalizzato all’acquisto da parte degli insegnanti di prodotti e servizi utili alla propria formazione.
Ma veniamo al merito dei contenuti.
In primo luogo, per l’accesso ai ruoli dell’insegnamento secondario è prevista una formazione universitaria abilitante di 60 CFU (crediti formativi) incentrati sugli aspetti propriamente pedagogici, didattici e metodologici della professione docente, che si dovrebbe concludere con un esame e un tirocinio. Il tutto sarebbe seguito da un vero e proprio concorso per l’accesso al ruolo. L’idea potrebbe anche essere condivisibile, se non fosse che tale formazione abilitante sarebbe aggiuntiva rispetto alla laurea magistrale. Un percorso, dunque, estremamente pesante, cosa di cui devono essersi resi conto gli stessi estensori del Decreto Legge, i quali hanno infatti previsto che i 60 CFU possano essere acquisiti anche in parallelo alla laurea magistrale o addirittura a quella triennale. Una toppa – come si usa dire – peggiore del buco, perché l’aspirante docente potrebbe in tal modo affrontare gli aspetti didattico-pedagogici della propria disciplina prima ancora di averne acquisito i nuclei teorici fondativi. Insomma, un vero guazzabuglio, aggravato dal fatto che il costo dei corsi abilitanti sarebbe totalmente a carico dei futuri insegnanti, il che aumenta il sospetto che ai contenuti del Decreto Legge non sia del tutto estranea la logica del cosiddetto mercato dei CFU, un modo discutibile per distribuire fondi alle università a cui gli ultimi anni ci hanno già abituato.
Per quanto riguarda l’aggiornamento in servizio dei docenti, essa sarebbe coordinata e in buona parte effettivamente erogata – ma ciò non sembra perfettamente chiaro ad una prima lettura - da una Scuola di Alta Formazione dell’Istruzione. Si tratta di un evidente tentativo di centralizzare i processi di formazione, affidandoli ad un ente fortemente burocratizzato, che mette in discussione l’autonomia dei docenti, e in particolare il ruolo dell’associazionismo professionale, in questo ambito.
Infine, il Decreto Legge introduce – accanto al tradizionale meccanismo degli scatti di anzianità – forme di incentivazione retributiva legate alla frequenza facoltativa di cicli di aggiornamento aggiuntivi a quelli obbligatori per tutti i docenti: un sistema che – per come viene presentato – somiglia più ad una raccolta punti che ad un serio processo di valutazione.
Siamo assolutamente consapevoli che – per essere credibili – le critiche ai contenuti di un provvedimento devono essere accompagnate dalla proposta di soluzioni alternative; e - a titolo meramente esemplificativo e personale - ci permettiamo di avanzarne alcune. In particolare, per quanto riguarda il reclutamento, riteniamo che si possa pensare ad una specifica laurea abilitante, costituita da un triennio disciplinare seguito da un biennio magistrale incentrato sugli aspetti didattico-pedagogici; quanto alla formazione in itinere, pur non tralasciando il fondamentale contributo dell’università, andrebbe valorizzata l’iniziativa degli istituti scolastici e delle associazioni professionali, che maggiormente si confrontano con l’esperienza sul campo; infine, anche i meccanismi di incentivazione stipendiale e di progressione di carriera – che non vanno in alcun modo demonizzati – dovrebbero essere incentrati su processi di valutazione dei docenti nel loro effettivo lavoro in classe. Si tratta, ovviamente, di ipotesi opinabili e discutibili: l’unica cosa che però non può essere in alcun modo accettata è l’atteggiamento di supponenza di parte della politica, la quale sembra suggerire che gli unici a non aver titolo a dire la loro sulla scuola sono proprio coloro che da sempre con il loro impegno le consentono – pur così faticosamente - di funzionare.
Marco Chiauzza

***
In evidenza:
→ VERSO SENTENZA ANTI-ABORTO NEGLI USA?

Si infiamma nuovamente negli Usa la battaglia sul diritto
all'aborto, con effetti politici e sociali destinati a segnare la
campagna elettorale per le elezioni di Midterm ma anche delle
prossime presidenziali nel 2024.
Con uno scoop, la rivista Politico ha pubblicato una prima bozza
delle motivazioni con cui cinque dei nove giudici della Corte
suprema si apprestano a cancellare la 'Roe v. Wade', la storica
sentenza della stessa corte che nel 1973 sancì il diritto
all'interruzione di gravidanza per tutte le donne americane, senza
tuttavia che sia mai diventata una legge.
L'apripista fu la 22enne Norma McCorvey che, con lo pseudonimo
di Jane Roe, nel 1970 disperata per una terza gravidanza non
voluta, vittima di poverta e droghe, fece causa al procuratore del
Texas, dove l'aborto era illegale, Henry Wade. Dopo una battaglia
di tre anni guidata dalle sue avvocatesse, Sarah Weddington e
Linda Coffee, Norma ottenne il diritto all'interruzione di
gravidanza con 7 voti a favore contro due, diventando un simbolo
per tutte le donne.
Il giudice Harry Blackmun argomento che negare l'accesso
all'aborto provoca dei danni che comprendono la minaccia alla
salute fisica e mentale delle donne, costi finanziari e stigma
sociale. “Quindi noi concludiamo che il diritto alla privacy
personale [garantito dal 14 emendamento] comprende la

decisione di abortire”, scriveva sostenendo che questo diritto deve
“prevalere sugli interessi regolatori degli Stati”.
Sulla fuga di notizie, il presidente del massimo organismo
giudiziario Usa, John Roberts, ha ordinato un'inchiesta,
definendola una "violazione di fiducia unica ed eclatante" e "un
affronto alla corte". Pur confermando l'autenticita del documento,
Roberts ha voluto precisare che esso "non rappresenta una
decisione della Corte o la sua posizione finale e quella definitiva
dei suoi membri sul caso”. Ma l'orientamento della maggioranza
dei saggi sembra chiaro.
Di recente, con un picco durante la presidenza di Donald Trump,
sono aumentati gli Stati che hanno aggirato la sentenza
imponendo durissime restrizioni sull'interruzione di gravidanza.
Sono 26 in totale, con Texas, Oklahoma e Mississippi che hanno
deciso in questo senso
La decisione finale non e ancora stata presa ed e attesa verso meta
maggio. Joe Biden ha gia annunciato la sua contrarieta a questa
eventuale decisione dell’Alta Corte: «Il diritto di scelta di una
donna e fondamentale - ha detto il presidente americano - la
sentenza Roe vs Wade non deve essere ribaltata». Il governo, ha
aggiunto, sara pronto a intervenire non appena la sentenza sara
diffusa.
Notizie da https://tg24.sky.it/mondo/approfondimenti/diritto-
aborto-usa#00 e da https://www.ilsole24ore.com/art/la-corte-
suprema-usa-votera-abolire-diritto-all-aborto-AEpUUwVB

**

→ HABEMUS PAPAM
di Attilio Tempestini | ITALIALAICA. IT, 28.04.2022
La nota frase, che da notizia dell'elezione di un pontefice, calza anche per
indicare la diffusa tendenza nella politica italiana a mostrare di avere, dalla
propria parte, il papa (e con lui la religione cattolica).
Papa Bergoglio prende posizione contro la guerra, che la Russia muove
all'Ucraina? Coloro che a loro volta sono contro mettono in rilievo tale
convergenza, di posizioni. Papa Bergoglio appare peraltro piuttosto tiepido,
sull'invio di armi all'Ucraina? Coloro che a loro volta sono tiepidi, o
addirittura contrari, sottolineano questo atteggiamento pontificio.
Senza dubbio e nell'ordine delle cose, che ad una persona e piu in generale ad
un partito politico faccia piacere se le proprie idee non restano isolate.
Quando, pero, si attribuisce un gran peso al fatto che un determinato soggetto
le condivide, sembra quasi che sia questa condivisione a dare validita ed
autorita a tali idee.

D'altra parte la situazione appare asimmetrica: giacche+ nel caso invece, fra le
proprie idee e quelle del papa vi sia divergenza, non e che al papa si muovano
critiche. Viene forse Salvini a contestare il papa, per le posizioni che questi
assume in materia di immigrazione? Viene forse Letta a contestarlo, per le
posizioni che il papa assume in materia di eutanasia?
In effetti, il principio - di per se+ vago - che occorre dare a Dio quanto spetta a
Dio ed a Cesare quanto spetta a Cesare, si verra facilmente ad applicarlo in
modo sfavorevole a Cesare, se questi mai ha da ridire su chi rappresenta Dio
(mentre in senso opposto, da ridire talora si ha: come con la nota che la S.
Sede ha inviato al governo italiano, sul disegno di legge Zan). Chi rappresenta
Dio, per di piu, tende ad ampliare le sfere di interesse e di intervento: da una
presenza sempre piu esplicita e puntuale in materia di relazioni
internazionali, all'ecologia...
[...]
http://www.italialaica.it/news/editoriali/72086

***
→ UNA INTERVISTA DALLA RUSSIA SUL NUMERO DI APRILE DE
“GLI ASINI”

1 Aprile 2022
Ludmila Nikolaevna Vaslyeka
Incontro con Federico Varese
Riesco a parlare con Ludmila Nikolaevna Vasilyeva il 5 marzo, dopo
diversi tentativi andati a vuoto. La mia interlocutrice e ormai una
veterana delle proteste di questi giorni a San Pietroburgo ed e stata
arrestata due volte, il 24 e il 27 febbraio. Per un verso quindi e solo una
delle quasi quindicimila persone fermate dalla polizia dall’inizio della
‘operazione speciale’ in Ucraina (per i dati aggiornati, vedi il sito
OVD.info). Per un altro, il suo gesto ha avuto una risonanza senza
precedenti in Russia e nel mondo. Nelle prime parole che pronuncia
nella nostra conversazione telefonica spiega: “Sono una pensionata di
ottant’anni e ho vissuto tutta la mia vita a San Pietroburgo. Quindi, sì,
sono una blokadnika”. Questa e l’espressione russa usata per riferirsi ai
sopravvissuti dell’assedio di Leningrado da parte dei nazisti. Lo stesso
Putin ricorda spesso Vitya, il suo fratellino di due anni, che morì
durante l’assedio. I sopravvissuti al blocco occupano un posto speciale
nell’immaginario collettivo dell’Urss e in quello costruito dal regime di
oggi, sono l’anello nella catena ideale che lega la resistenza antinazista
alla guerra di oggi in Ucraina. Il culto della Seconda guerra mondiale
(Pobedobesiye) e diventato un strumento per legittimare l’ideologia
etno-nazionalista del regime. La Russia e per definizione anti-nazista —
perche+ ha vinto la Seconda guerra mondiale — quindi le minoranze o le
nazioni che le resistono sono per definizione naziste. Per dimostare il
proprio antifascismo la minoranza deve semplicemente accetare la

superiorita dell’etnia russa e piegarsi al volere del Cremlino. Ma
Ludmila si ribella: not in my name, potrebbe dire. Come e venuta a
sapere dell’invasione? “I miei due gatti mi hanno svegliato la mattina
del 24, come tutti giorni. Vivo da sola in un appartamento di tre stanze,
mentre mio figlio e emigrato in Germania con la sua famiglia. Accendo
Dozhd’ (“pioggia”, il canale indipendente adesso messo al bando) e
sento che abbiamo invaso l’Ucraina. Sono incredula. La pressione mi
sale a 200. Telefono a mio figlio e mi faccio dire dove posso andare a
protestare. Quando arrivo di fronte ai grandi magazzini del Gostiny
Dvor sulla Prospettiva Nevsky vedo delle ragazze con dei cartelli, ma
non fanno in tempo ad alzarli che vengono arrestate. Allora li raccolgo e
mi metto a urlare, “No alla Guerra!” Io amo la mia citta, amo il mio
paese, non potevo tacere.” La protesta di Ludmila dura circa un minuto,
poi viene caricata anche lei nel furgone della polizia, dove ritrova le
ragazze. Data la sua eta viene trattata con un certo tatto, ma lo stesso
non accade ai giovani, che vengono malmenati brutalmente, mi dice.
“Avranno avuto dai 14 ai 21 anni. Quei giovani mi hanno fatto
ringiovanire, mi hanno dato una grande energia. Durante il tragitto
abbiamo continuato a urlare slogan contro la guerra nella speranza che
qualcuno ci potesse sentire. Loro hanno cantato una canzone di Boris
Grebenshchikov (il cantante del gruppo rock alternativo Aquarium). Io
invece ho recitato una poesia della mia giovinezza, del periodo del
disgelo, scritta da Viktor Bokov. Si intitola Dove inizia la Russia”. Ho
ritrovato il testo e questa e la mia traduzione approssimativa:
Dove inizia la Russia?
Dalle Curili? Dalla Kamchatka? O dalle isole del Commodoro?
Perche+ sono tristi gli occhi di steppa
Che sorgono dal canneto di tutti i suoi laghi?
La Russia inizia con la passione
Il lavoro
La pazienza
La verita
La gentilezza.
Ecco dove sta la sua stella, che e bellissima!
Brucia e brilla nel buio.
Da qui tutte le sue grandi opere,
Il suo destino unico.
E se ne sei parte –
La Russia
Non inizia sui monti, ma dentro di te!Contro le farneticazioni della geopolitica, Bokov rivendica un
nazionalismo dell’anima, interiore e pacifico. Finito il viaggio verso la
periferia, Ludmila viene messa in stato di fermo. Cerca di spiegare alla
polizia che il diritto di protestare in maniera pacifica e sancito dalla
Costituzione. Glielo urla in faccia, quasi disperata. Quando si rendono
conto che e una blokadnika capiscono che il suo arresto puo rivelarsi un
boomerang, la vogliono rilasciare immediatamente e si offrono di
accompagnarla a casa senza registrare il reato. Lei dapprima rifiuta, ma
i ragazzi insistono e alla fine accetta. Ludmila e diretta, materna, senza
freni. Quando i poliziotti tornano a farle visita in abiti civili la sera
stessa, li fa accomodare e gli offre il te. Passano un paio d’ore a guardare
i vecchi album di famiglia. “Gli ho chiesto se vogliono che i loro figli
crescano in un paese come questo. Hanno abbassato gli occhi.” Per un
attimo, quello che unisce gli esseri umani — la famiglia, i figli, i ricordi,
il futuro del paese che si ama — ha avuto la meglio sulla logica del
potere. Ludmila e tornata a protestare il 27 febbraio ed e stata arrestata
di nuovo, questa volta insieme alla nipote Alisa, che adesso rischia di
essere licenziata. “Sono ottimista sul futuro di questo paese quando
vedo i ragazzi che protestano, ma temo che se ne andranno tutti.” La
nostra conversazione non e facile: a volte Ludmila e disperata, piange,
urla “no alla guerra”, sembra voler convincere anche me. Ma presto
ritorna la sua innata gentilezza, quel valore cantato nella poesia di
Viktor Bokov: mi invita a farle visita quando passo per San Pietroburgo,
“ho una stanza per gli ospiti, e vivo sola...” La nostra conversazione
volge al termine: “Adesso — mi dice — vado. Devo discutere con mia
nipote cosa fare dei miei gatti se veniamo entrambe arrestate. Chi dara
loro da mangiare? Ci serve una strategia.” La voglio ricordare così: la
sopravvissuta all’assedio di Leningrado che in una camionetta della
polizia recita una poesia, una preghiera laica che per un attimo ha unito
le generazioni e fermato le menzogne della propaganda.
Il 12 marzo mi rimetto in contatto con Ludmila. Le chiedo come si sente
e se vi sono aggiornamenti degni di nota. La nipote, come si temeva, e
stata licenziata e sta per raggiungere il padre in Germania. Ludmila
invece non ha intenzione di lasciare San Pietroburgo: “Questa e la mia
citta, qui sono seppelliti i miei genitori e vivono i miei gatti, non posso
lasciarli soli?” Come immaginavo, e stata arrestata una terza volta. Ieri
sera (11 marzo) i poliziotti le hanno fatto visita per farle firmare un
documento in cui dichiarava di essere a conoscenza delle sue
responsabilita. Decisa sino all’ultimo, si e rifiutata, tanto che gli agenti si
sono lamentati poiche+ temono di essere licenziati se non tornano con le
carte firmate. “Ho detto a quei ragazzi: dimettetevi subito! Non
aspettate un altro minuto.” Prima di congedarli, li ha abbracciati. Forse
per l’ultima volta. La stella della Russia brucia e brilla nel buio..

Sullo stesso numero articoli e interviste su formazione professionale e
alternanza scuola-lavoro.

https://gliasinirivista.org/rivista/aprile-98-2022/

***
→ Dal 18 febbraio 2022 è online il Database di Left che
documenta i casi di violenza su minori nella Chiesa cattolica
italiana --> chiesaepedofilia.left.it

“Finora, gli unici grandi paesi in cui la Chiesa non ha ancora avviato
indagini senza reticenze sui casi di abusi sessuali da parte di sacerdoti sono
Italia e Spagna” (https://www.ilpost.it/2022/01/29/inchiesta-abusi-ratzinger-
chiesa/).

***
→ UNA INIZIATIVA PER I 40 ANNI DEL CEMEA PIEMONTE
SEMINARIO

Venerdì, 27 maggio 2022 - Ore 15.00 – 18.00. Aula Magna
S.F.E.P. Via Cellini 14, Torino

CEMEA Piemonte 40 ANNI: CHE FINE HA FATTO
L’EDUCAZIONE?

Certezze e pregiudizi, progetti e ritardi
I CEMEA da sempre considerano l’educazione una leva
fondamentale per promuovere la dignita della persona, sviluppare
le potenzialita positive di ciascuno, contribuire ad una societa piu
solidale in cui siano rispettate le differenze, senza discriminazioni.
In quarant’anni di attivita, i CEMEA hanno operato per affermare il
ruolo fondamentale dell’educazione nella formazione della
persona e del cittadino legando strettamente i valori educativi che
difendiamo alla ricerca della qualita del lavoro, della cultura e
della vita quotidiana. In un mondo oggi in bilico tra
globalizzazione e chiusure nazionalistiche, tra sviluppo
tecnologico e bisogni di relazione, tra frammentazione/
diversificazione familiare e isolamento individuale che fine ha
fatto l’educazione? Come uscire da queste crisi?
C.E.M.E.A. DEL PIEMONTE SOC. COOP. SOCIALE
Via Paolo Sacchi 26 - 10128 TORINO
Tel. 011.54.12.25 / 011.54.12.60, Fax 011.54.13.39

***
→ SEMINARI CIDI

il Cidi, insieme a Educational 2.0, ha organizzato per giovedì 12
maggio 2022 un importante seminario online e in presenza dal
titolo
Quale futuro per l’istruzione tecnica?
In calendario anche i due seminari sulla PROFESSIONALITAZ
INSEGNANTE
11 maggio Formazione iniziale e continua
16 maggio Autonomia e sviluppo professionale
https://www.ciditorino.it/forma

***

→ CENTRO STUDI PIERO GOBETTI

→ GIORNATE DELLA LAICITÀ A REGGIO EMILIA– “LIBERTÀ (È)
RESPONSABILITÀ”Reggio Emilia, da mercoledì 8 a domenica
12 giugno, Arena ex Stalloni
La tredicesima edizione delle Giornate della laicita, festival di
approfondimento culturale dedicato al pensiero laico, critico e
razionale, manifestazione promossa dall'associazione Iniziativa
laica in collaborazione con Arci Reggio Emilia con la direzione
scientifica della filosofa e giornalista Cinzia Sciuto, avra come tema
“Liberta (e) responsabilita”.
Cinque giorni di dibattiti e riflessioni a piu voci, con la
partecipazione di autori e pensatori di fama internazionale, per
confrontarsi sul rapporto tra liberta e responsabilita: “Due anni di
pandemia – dichiara la direttrice del festival Cinzia Sciuto– hanno
mostrato in maniera eclatante i limiti di una idea di liberta come
puro arbitrio individuale, mostrando come non ci sia liberta senza
responsabilita. Ma lo stesso vale anche al di fuori dell’ambito
strettamente sanitario, giacche+ ogni nostra scelta – che riguardi la
nostra salute, i nostri consumi, la nostra identita, le nostre
opinioni – ha delle ricadute collettive che non possiamo ignorare.
Dall’eutanasia all’identita di genere, dalla blasfemia alla cancel
culture, dalla liberta delle donne al fascismo strisciante, il filo
rosso che tiene insieme gli incontri di questa edizione delle
Giornate della laicita e lo stretto rapporto fra liberta individuale e
responsabilita collettiva”.
Il programma e i dettagli – in via di definizione – saranno
disponibili sul sito delle Giornate della laicita
(www.giornatedellalaicita.com) e sui canali social di Iniziativa laica e
del festival.
http://www.italialaica.it/eventi/71800

***
→ PRESENTAZIONE DEL LIBRO “IN GUERRA NON
ANDARE” DI PAOLO CALVINO
Paolo Calvino, In guerra non andare, Neos Edizioni, Torino 2019
giovedì 19 maggio, ore 18 | sala Gandhi CENTRO STUDI SERENO REGIS
Necessaria la prenotazione per partecipare in presenza
all’evento: https://forms.gle/dzKJh5BbbgDbqBh66

https://serenoregis.org/evento/presentazione-del-libro-in-
guerra-non-andare-di-paolo-calvino/
***
→ SEGNALAZIONI
• Beppe Fenoglio 22: Cent'anni di Beppe

Dal 01 Marzo 2022 al 01 Marzo 2023 è l'anno fenogliano:
https://www.beppefenoglio22.it
In Fenoglio la sostanza della Resistenza, pur nella grande varietà
dei suoi aspetti, è nella scelta esistenziale di dire no, di resistere
nonostante tutto.
Rileggiamo da B. Fenoglio, Il partigiano Johnny, a cura di L. Mondo,
Einaudi, Torino 1968, p. 356, le battute che si scambiano il mugnaio
e Johnny nel terribile inverno 1944 dopo il proclama Alexander:
– Vedo che afferri il punto. A che servirebbe, d’altronde? Lo sai
meglio di me, sebbene io non perda una trasmissione di Radio
Londra, una che e una. Gli alleati sono fermi in Toscana, con la neve
al ginocchio e questa situazione permette ai fascisti di farvi cascar
tutti come passeri dal ramo, come ho detto prima. Al disgelo gli
alleati si muoveranno e allora daranno il gran colpo, quello buono.
E vinceranno senza voi. Non ti offendere, ma voi partigiani siete di
gran lunga la parte meno importante in tutto il gioco, converrai con
me. E allora perche+ crepare in attesa di una vittoria che verra lo
stesso, senza e all’infuori di voi!
L’uomo parlava col cuore, indubbiamente [...] – Johnny alzo il
catenaccio. – Mi sono impegnato a dir di no fino in fondo, e questa
sarebbe una maniera di dir sì. – No che non lo e! – grido il
mugnaio. – Lo e, lo e una maniera di dir di sì.
Da non perdere la registrazione della giornata di studi
dedicata a Beppe Fenoglio, tenuta il 27 aprile al Polo del ‘900,
con il titolo La guerra di Beppe, con l’introduzione di Paolo
Borgna e la partecipazione di storici e studiosi di letteratura:
https://www.youtube.com/watch?v=8ERKFzJerag
Maria Montessori settant’anni dopo: una lezione
ancora viva e attuale
di MASSIMO BALDACCI

Settant’anni fa scompariva Maria Montessori. Ma la sua lezione e
ancora viva.
[...]
Negli anni Venti, il Metodo montessoriano ha un’ampia diffusione
internazionale, ma in Italia trova ostacoli. Infatti, la Chiesa vede
con diffidenza il suo positivismo e il suo libertarismo (l’autorita
dell’educatore e considerata necessaria di fronte a esseri immaturi
e indeboliti dal peccato originale). Il neoidealismo (con Gentile e
Lombardo Radice) pur esprimendo un parziale apprezzamento, le
rimprovera invece un’impostazione educativa individualista. La
Montessori adotta una risposta indiretta e prudente.
Nell’Introduzione alla terza edizione del Metodo scientifico della
pedagogia (1926), ammorbidisce il taglio positivista (ma ribadisce
che al Metodo non e estranea l’“esattezza scientifica”),
sottolineando gli elementi di natura spiritualista. Questo non fu
pero sufficiente per superare l’ostilita della Chiesa e del
neoidealismo. Tuttavia, il suo prestigio internazionale porto il
Fascismo ad assumere un atteggiamento inizialmente positivo, e
Mussolini in persona assunse la presidenza dell’Opera nazionale
Montessori. Ma questo rapporto si sarebbe presto guastato.
Con gli anni Trenta, il pensiero della Montessori conosce una
decisa svolta verso l’utopia. Ella s’impegna in una serie di
conferenze sulla pace, iniziando a Ginevra nel 1932 per concludere
a Londra nel 1939. La Montessori e consapevole del ruolo della
politica nell’evitare la guerra, ma la promozione dello spirito
irenico richiede di piu, esige la realizzazione della concordia
umana, che implica l’opera dell’educazione. Il regime fascista non
gradì pero questo impegno pacifista, e lei scelse di andare in esilio
(nel 1934). Nel 1935 enuncio, poi, la formula dell’educazione
cosmica, basata sull’armonia universale tra tutti gli esseri viventi.
Infine, con Il segreto dell’infanzia (1936), riprese il tema dei diritti
del bambino, nel quadro della “questione sociale dell’infanzia”. EZ
necessaria un’educazione non autoritaria, per prevenire le nevrosi
dell’adulto evidenziate dalla psicanalisi. Nella Conferenza sulla
pace del 1932, l’affrancamento del rapporto adulto/bambino
dall’autoritarismo era stato identificato come la via per la
promozione dello spirito irenico (che non e possibile se i bambini
vedono il forte prevaricare sul debole). Le preoccupazioni della
Montessori sono ormai centrate sull’atteggiamento dell’educatore
nei confronti del bambino. Il suo intento e quello di promuovere un nuovo sentimento dell’infanzia capace di difenderne lo sviluppo.
Questo afflato utopico continua anche negli anni Quaranta, [...] e
trova una enunciazione particolarmente significativa in
Educazione per un mondo nuovo (1946): l’educazione del bambino
come la sola via per la soluzione dei problemi dell’umanita, la
formazione di un uomo nuovo per un mondo nuovo. Ella non
manca pero di continuare a sviluppare anche il lato scientifico
della sua teoria con La mente del bambino (1949). Impegno
scientifico e impegno utopico-sociale a favore dell’infanzia furono
così sempre compresenti nella sua opera.
Per comprendere il lato scientifico occorre guardare al clima
culturale della sua prima formazione. Il lato utopico risulta invece
intelligibile in rapporto non solo alla sua spiccata sensibilita
personale, ma anche rispetto al contesto storico sociale. A questo
proposito, occorre sottolineare la concomitanza tra la svolta
utopica montessoriana e la “catastrofe culturale” degli anni Trenta,
come l’ha definita Polanyi in La grande trasformazione (1944). La
drammatica successione di eventi che dall’inizio del decennio
porto al secondo conflitto mondiale fu accompagnata da un
altrettanto disastroso smottamento culturale: dall’avvento di un
nazionalismo fondato sul mito della razza e del sangue;
all’estensione del militarismo all’intera vita sociale; a
un’ingegneria sociale volta a costruire un nuovo tipo d’uomo,
caratterizzato dalla disciplina e dalla combattivita. I segni di
questo smottamento erano visibili in opere come Il mito del XX
secolo, di Rosemberg (1930), che enfatizzava il mito della razza. Di
fronte alle tenebre che incombevano, Maria Montessori tento di
tenere accesa la fiamma dell’utopia. Il mondo scivolava verso la
guerra, ma ella predicava la pace e la liberta. E dopo la guerra
avrebbe riaffermato la fede nell’educazione per l’edificazione di un
mondo nuovo. Ella avrebbe meritato il Nobel per la pace, alla quale
fu piu volte candidata. Certamente, la sua fede nell’educazione
come mezzo per rinnovare l’uomo e promuovere un mondo di
pace appare commovente, ma un sostanzialmente ingenua. Il
realismo geopolitico ci rende consapevoli che questa problematica
e molto piu complessa rispetto alla soluzione etico-pedagogica da
lei indicata. Tuttavia, la promozione di una cultura di pace,
attraverso un’educazione alla ragione e al dialogo, costituisce forse
un aspetto necessario (anche se non sufficiente) per una pace
durevoleLo spirito utopico della Montessori svolge pero anche un’altra
funzione: tutela l’autenticita educativa del suo metodo. Infatti, se
viene ridotto a mera tecnica, spogliato della sua ispirazione ideale,
il metodo potrebbe essere strumentalizzato per scopi diversi. Per
esempio, Brynjolfsson e McAfee (La nuova rivoluzione delle
macchine, 2017), vedono il Metodo Montessori come il mezzo
migliore per iniziare precocemente la formazione del capitale
umano necessario nell’attuale epoca tecnologica. La scuola
d’infanzia montessoriana viene cioe ridotta a una serra capace di
assicurare la massima fioritura all’efficienza cognitiva
dell’individuo. Il bambino e gia visto come un futuro mezzo per la
produttivita economica. Per la Montessori, pero, lo sviluppo
umano del bambino era un fine in se+ e per se+. L’utopia tutela
questo fine e assicura l’autenticita educativa del metodo contro
indebite strumentalizzazioni. A settant’anni dalla sua morte,
abbiamo ancora molto da imparare da Maria Montessori.
(https://micromegaedizioni.net/2022/05/06/montessori-
settantanni-dopo/)

***
ARCHIVIO

A cinque anni dalla scomparsa di Jean-Jacques Peyronel, deceduto
nel 2017 in Francia, dove era nato nel 1946 ed era tornato dopo il
pensionamento, riproponiamo un suo articolo con una messa a
punto storico-concettuale. Era stato diacono della chiesa valdese e
redattore del settimanale «Riforma» dal 1993. Faceva parte della
redazione delle nostre NEWS e aveva avuto incarichi direttivi nel
Comitato Torinese per la Laicità della Scuola e in altre associazioni
laiche.
La laicità è anticlericale
«Passare dall’autonomia come rifiuto dell’ingerenza alla ricerca
della convivenza tra diversi: e qui la nuova frontiera della laicita»
ha detto Fausto Bertinotti in un’intervista a La Repubblica
(29/11/2007). Piu che «nuova frontiera», questo e l'abc della
laicita, come ripete da tempo il protestante Jean Baube+rot, che ne
e uno dei piu autorevoli esperti, per il quale «la laicita e un vivere
insieme su uno stesso territorio ed essa permette di fare societa
tra individui e gruppi differenti».

EZ stato così fin dall'inizio nel Paese che ha inventato il termine
stesso di laicita. All'inizio, si trattava di permettere la convivenza
tra cattolici, protestanti, ebrei e non credenti in un Paese che i
papi chiamavano «figlia primogenita della Chiesa» e in cui i non
cattolici non avevano diritto di cittadinanza. Per questo, la legge
del 1905 istituì «la separazione tra le chiese e lo Stato»: proprio
per impedire che una chiesa qualsiasi pretendesse di imporre i
propri principi all'intera societa, come vorrebbe fare oggi in Italia
la Chiesa di Roma in nome del «bene comune».
La laicita infatti - dice ancora Baube+rot – e «costituita da tre
principi essenziali: a) il rispetto della liberta di coscienza e di
culto; b) la lotta contro ogni dominio della religione sullo Stato e la
societa civile; c) l'uguaglianza delle religioni e delle convinzioni,
compreso il diritto di non credere».
EZ quanto recita il primo articolo di quella legge: «La Repubblica
assicura la liberta di coscienza. Essa garantisce il libero esercizio
dei culti». Non dice che la religione viene relegata nel privato,
come spesso si sostiene, ignorando sia la lettera sia lo spirito della
legge.
Anche Bertinotti sembra condividere questo luogo comune
quando dice che «non si puo pretendere di rinchiudere la fede in
un fatto unicamente privato». Non e questo il punto. Piuttosto,
come diceva un altro protestante, Paul Ricoeur, in una delle sue
ultime interviste: «Il merito dell'Occidente [sta] nell'avere
dissociato la sfera politica da quella religiosa, non per ricacciare
quest’ultima nel privato bensì per collocarla in un pubblico non
fornito di potere e posizione istituzionale». E lo diceva dopo aver
affermato che c’e «un aspetto dell'America [che gli era] non solo
estraneo ma addirittura insopportabile: il fondamentalismo
protestante, che consiste nell'attribuire una specie di simbolismo
biblico agli avvenimenti politici». E aggiungeva: «Bisogna liberare
la politica da criteri che non le appartengono».
La Francia di 100 anni fa non era meno cattolica dell'Italia di oggi
ma la cultura laica che poco alla volta si e affermata ha fatto sì che
la Chiesa cattolica ha accettato di essere parte integrante, ma non
egemone, di quella societa civile che e lo spazio pubblico dove
avviene la discussione sostanziata da specifiche argomentazioni.
In questo spazio – che non va confuso appunto con quello politico
istituzionale dove i parlamentari, anche cattolici, prendono le
decisioni in piena liberta di coscienza – la Chiesa di Roma puo
legittimamente intervenire, alla pari con tutte le altre associazioni,
sforzandosi – come dice Ju^rgen Habermas (cfr. La Repubblica del
30/11), che pero lo esige solo per la sfera istituzionale – di
«tradurre laicamente» le proprie argomentazioni in modo da
renderle comprensibili a tutti. Se invece si ostina ad affermare
fondamentalisticamente che certe questioni etiche sono «non
negoziabili», si taglia fuori ipso facto dalla laica «convivenza tradiversi». Infatti, contrariamente a quanto ha detto la senatrice
teodem Paola Binetti dopo la bocciatura a grande maggioranza
dell'emendamento alla Finanziaria che chiedeva l'abrogazione
dell'esenzione Ici sugli immobili di proprieta della Chiesa che
svolgono un’attivita commerciale («Questa compattezza e il
segnale che nel Partito Democratico la cifra della laicita non sara
quella dell'anticlericalismo bensì della ragione, che vuol difendere
le attivita che servono al bene comune senza fare battaglie
ideologiche»), l'anticlericalismo non va confuso con un
atteggiamento anticattolico o antireligioso. La laicita ha sempre
avuto un carattere anticlericale in quanto e stata e sara sempre
una «sana» reazione contro qualsiasi tipo di clericalismo, sia
quello delle gerarchie cattoliche sia quello di chiunque pretenda di
imporre la propria visione alla societa e allo Stato.
Jean-Jacques Peyronel
«Riforma» del 21 dicembre 2007

***
IL LIBRO
Simone Weil
Sulla guerra. Scritti 1933-1943

Collana “Filosofi del '900” del Corriere della sera, Milano 2022,
pp. 181, € 8,90
Sono stati opportunamente ristampati, nella collana “Filosofi del
'900”, a cura di Carlo Sini, allegata al “Corriere della Sera”, e
corredati da un’ampia introduzione di Donatella Zazzi, alcuni scritti diSimone Weil sul tema della guerra. Sono riflessioni che vanno dal
1933, anno della salita al potere di Hitler, al 1943, anno della morte di
Simone Weil, avvenuta in Inghilterra dove la filosofa si trovava
nell'attesa e nella speranza di poter andare in Francia per partecipare
alla resistenza.
In questi scritti vengono delineate le ragioni del pacifismo condiviso
dalla studentessa di filosofia negli anni '20 e mantenuto fino allo
scoppio della seconda guerra mondiale. Ma le sue convinzioni
pacifiste hanno un’evoluzione e non le impediscono di analizzare con
rigore e sofferenza le contraddizioni che pesano soprattutto sui deboli
e gli oppressi.
Si parte da un articolo dal titolo Riflessioni sulla guerra, del novembre
1933. La guerra è un massacro prima di tutto dei propri soldati, la
guerra porta al dispotismo militare, la guerra del 1792 che in Francia
veniva presentata come guerra rivoluzionaria costrinse a lasciare sulla
carta la Costituzione del 1793 e portò al Terrore. Di conseguenza la
lotta antifascista non può assumere la guerra come strumento di
azione, si tratterebbe di combattere una oppressione barbara con un
massacro ancora più barbaro.
Alcuni scritti successivi, dal 1936 al 1938, affrontano il problema
della guerra civile spagnola e del non intervento. Esprime un pieno
sostegno alla politica di non intervento del governo di Léon Blum: i
fatti sono chiari, si è realizzata una aggressione militare nei confronti
del governo spagnolo del Fronte popolare, sotto forma di guerra civile,
ma un intervento francese scatenerebbe la guerra in tutta l'Europa.
Simone Weil, pur approvando la scelta del governo francese, non può
fare a meno di sottolineare come ci siano contraddizioni nella
posizione di Blum: non si fa la guerra per gli operai e i contadini
spagnoli ma si farebbe per l'Alsazia-Lorena. Bisogna riconsiderare il
problema della guerra e della pace, e Simone Weil andrà in Spagna
nelle brigate internazionali. La breve partecipazione le lascerà un
grande amore per il popolo spagnolo e una serie di riflessioni molto
dure espresse in una lettera a Georges Bernanos: una guerra di
contadini contro i proprietari terrieri si era trasformata a suo giudizio
nella guerra tra Russia, Germania e Italia; soprattutto, fu colpita dalla
violenza non necessaria esercitata “con evidente piacere” anche da
molti suoi compagni, “immersi in quest’atmosfera impregnata di
sangue”.
Le riflessioni successive la portano ad esaminare la natura dei
conflitti. I più accaniti sono quelli che non hanno un obiettivo ben
definito, perché quando c'è un obiettivo è possibile trovare un
compromesso, quindi aprire una trattativa, ma i conflitti che lacerano
l'Europa sono relativi a parole prive di contenuto non perché non
abbiano senso, ma perché non vengono mai definite. Si portano
esempi come l'interesse nazionale, mai definibile, e opposizioni
assolute come quella tra fascismo e comunismo. Simone Weil
comincia a pensare che non basta predicare la pacificazione in tutti icampi, spesso chi declama la pace internazionale difende lo status quo.
A partire dal 1938 il problema appare quello di diminuire i rischi di
una guerra che sembra avvicinarsi sempre di più senza rinunciare alla
lotta per la difesa dei più deboli. Più volte Weil esprime con sofferenza
la convinzione che l'egemonia della Germania hitleriana in Europa,
che si sta delineando, potrebbe anche non essere una sventura, mentre
una guerra sarebbe una sventura certa. Si tratta di capire quale sia il
“male minore”, col duplice obiettivo di non sprecare inutilmente vite
umane e di non cadere nell'inerzia.
In un progetto di articolo della primavera del 1939, dal titolo
Riflessioni in vista di un bilancio, Weil si pone la domanda di come sia
possibile resistere, nel senso di non indietreggiare, continuando a
navigare tra due file di scogli, in una situazione in cui sembra che
rimanga solo la scelta tra l'accettazione della servitù o la guerra.
Sembra a questo punto che i principi, anche quelli pacifisti, non
abbiano più corso non perché siano sbagliati, ma non sono stati
applicati quando le condizioni storiche lo permettevano, certamente
dieci anni prima del '39 o forse anche tre anni prima.
Dopo l'inizio della guerra e l'allontanamento dalla Francia occupata
che considera una “diserzione”, Weil, giunta in Inghilterra, sviluppa
un progetto di partecipazione alla resistenza che non potrà mai portare
a compimento, ed elabora una lucida proposta contenuta nelle
Riflessioni sulla rivolta, articolo che fu letto da De Gaulle e
probabilmente ebbe qualche peso nella decisione di creare in Francia
un Conseil nationale de la Résistence.
In realtà Weil, convinta che si debba lottare contro Hitler pensando al
futuro, ritiene che non basti coordinare e sostenere la resistenza in
Francia, ma che si debba creare un coordinamento tra tutte le forze
resistenti in Europa attraverso un Conseil supreme de la Révolte, che
organizzi i movimenti clandestini di tutti i territori occupati. Questa
cooperazione potrebbe coinvolgere oppositori spagnoli, italiani e
anche tedeschi e delineare, alla fine della guerra, quella che Weil
chiama “una certa unità europea”.
Morendo il 24 agosto del 1943, Weil non potra vedere la fine della
guerra e il futuro dell'Europa. A noi lascia in eredita una
riflessione rigorosa e senza sconti per nessuno, e un avvertimento:
“Se non facciamo uno sforzo serio di analisi, rischiamo, in un
giorno prossimo o lontano, di farci cogliere dalla guerra impotenti
non solo ad agire, ma anche a giudicare” .
Grazia Dalla Valle

***
IL FILM

Leonora addio
Regia: Paolo Taviani
Attori: Fabrizio Ferracane, Matteo Pittiruti, Dania Marino,
Dora Becker, Claudio Bigagli
Italia, 90’
Musiche: Nicola Piovani
Produzione: Les Films d'Ici, Rai Cinema, Stemal Entertainment

A dieci anni dall’ultimo Orso d’oro e senza Vittorio, scomparso
quattro anni fa, Paolo Taviani torna alla Berlinale con “Leonora
addio”. Il film parla di Pirandello e a Pirandello somiglia, nel senso
che sfonda la parete dei significati manifesti. A cominciare dal
titolo.
Nonostante “Leonora addio!” sia una novella del celebre
drammaturgo, il film non ne e l’adattamento. Si apre infatti con lo
spostamento delle ceneri di Pirandello, morto nel 1936, da Roma
ad Agrigento. Dopo 10 anni al Verano, l’urna, accompagnata da un
bravissimo Fabrizio Ferracane, attraversa un’Italia post-bellica di
struggente bellezza.
La poesia delle immagini e quasi violenta, esaltata dal rigore del
bianco e nero. Il mancato volo, il lungo viaggio in treno, la
processione celebrativa e la fusione delle ceneri con la campagna
siciliana, avvengono quietamente. Il viaggio e una successione diquadri animati, in cui i personaggi si fissano nella memoria con
poche battute, ma con efficacia assoluta.
Il film si chiude con un adattamento dell’ultimo racconto di
Pirandello, “Il chiodo”, ispirato da un terribile fatto di cronaca
avvenuto a New York. Qui subentra il colore, che tuttavia lascia
intatte le suggestive atmosfere costruite dal regista.
Pirandello, che volle che il suo cadavere fosse avvolto in un
lenzuolo, accompagnato dal solo cocchiere su un carro dei poveri e
quindi cremato senza pubblicita, nel film e ovunque. Ma piu
ancora che nella menzione diretta, e nel mistero della morte, nella
riconciliazione con l’eternita senza di noi, nello sguardo ironico e
tenero rivolto all’attaccamento dei vivi per i simboli.
Che significa, in tutto questo, “Leonora addio”? Addio a Pirandello?
Addio ai clamori dell’esistenza? La risposta non e diretta, ma e
tutta nel film, che il novantenne Paolo Taviani apre con una dedica:
“A mio fratello Vittorio”.
Recensione di Lucia Conti
https://www.goethe.de/ins/it/it/kul/fil/bb2/22720471.html

***

Notiziario on line del Coordinamento per la laicità della scuola. Redazione: Marco Chiauzza, Grazia Dalla Valle, Daniel Noffke, Cesare Pianciola, Stefano Vitale.

Fanno parte del Coordinamento: AEDE (Association Européenne des Enseignants), AGEDO, CEMEA Piemonte, CGD Piemonte, CIDI Torino, COOGEN Torino, CUB-Scuola, FNISM, Sezione di Torino "Frida Malan", MCE Torino.

 

Nessun commento