Articoli

EDUCAZIONE ALLE DIFFERENZE CONTRO OGNI FORMA DI ESTREMISMO VIOLENTO

Di Scuola polo per l'Educazione alle differenze - Istituto di Istruzione Statale «Oriani Mazzini» Milano | 09.11.2020


Progetto formativo e di pratica didattica

«EDUCAZIONE ALLE DIFFERENZE CONTRO OGNI FORMA DI ESTREMISMO VIOLENTO»

La Scuola polo dell’Ambito territoriale di Milano per l’Educazione alle differenze – Istituto di Istruzione Statale “Oriani Mazzini di Milano”, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano e l’Università Cattolica di Milano, è impegnata da settembre a dicembre 2020 nei lavori del progetto formativo regionale «Educazione alle differenze contro ogni forma di estremismo violento», volto a potenziare le buone pratiche didattiche dei docenti dell’ambito territoriale di Milano.

«Questo progetto formativo», spiega la prof.ssa Anna Lamberti (Dirigente della Scuola polo dell’Ambito territoriale di Milano per l’Educazione alle differenze) durante l’apertura dei lavori, «rappresenta un’importante occasione per lo sviluppo professionale dell'intera comunità docente. L'aggiornamento professionale dei docenti è considerato un dovere deontologico nell'ordinamento italiano, in quanto sostiene lo sviluppo del "sistema educativo nazionale di istruzione e formazione" che garantisce i valori democratici, la coesione sociale, la cittadinanza attiva, il dialogo interculturale, l'occupabilità e l'economia sostenibile nel Paese».

«La scuola », commenta il prof. Vincenzo Capaldo (referente di progetto della Scuola polo per l’Educazione alle differenze), «in linea con le raccomandazioni europee, persegue una formazione di qualità per tutte le studentesse e gli studenti che valorizzi le cosiddette “competenze per la vita”; di conseguenza, con questo progetto formativo, si vuole realizzare una comunità di pratica didattica per un insegnamento sempre più inclusivo di tutte le dimensioni della cittadinanza: la non violenza e la pace, la non discriminazione e l'inclusione sociale, la valorizzazione delle diversità e l'uguaglianza tra le persone, il rispetto dei diritti civili e umani e la lotta ad ogni estremismo e violenza. Per questo sono invitati i docenti della provincia di Milano a prendere parte ai Gruppi di lavoro tra pari, per la realizzazione di specifiche Unità di Apprendimento da sperimentare nelle scuole di ogni ordine e grado».

L’educazione alle differenze rappresenta nella scuola quell’approccio formativo interdisciplinare, volto a formare giovani cittadini che riconoscano, valorizzino e rispettino le differenze di genere, religiose, politiche, etniche e culturali, sviluppando una consapevolezza critica rispetto ai modelli proposti dalla società contemporanea.

«L’educazione alle differenze», prosegue il prof. Capaldo, «presuppone il diritto alla libertà di essere/divenire di ogni persona e il rispetto dei diritti civili che sostengono il principio dell’uguaglianza e la tutela delle differenze personali, sociali e culturali. Essa favorisce la realizzazione umana, civile e professionale di tutti i giovani, mediante l’acquisizione di competenze tese a raggiungere il benessere equo-sostenibile delle persone, delle famiglie e, quindi, della comunità sociale»

«La legge italiana», riferisce la Preside Lamberti, «stabilisce che l’offerta formativa della scuola debba assicurare l’attuazione dei principi di pari opportunità, promuovendo l’educazione alla parità e la prevenzione di tutte le forme di discriminazione. La prospettiva d’intervento che l’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ha scelto di sostenere è quella rappresentata dal progetto formativo regionale volto a potenziare le buone pratiche didattiche diffuse nell’ambito territoriale di Milano sulla “Educazione alle differenze nell’ottica della prevenzione di ogni estremismo violento”, mediante la costituzione di una rete di scuole coordinata dalla Scuola polo “Oriani Mazzini” di Milano»

«Il progetto formativo», aggiunge il prof. Capaldo, «assume quest'anno scolastico un particolare significato per l’educazione contro tutte le discriminazioni e i nuovi estremismi, in quanto, pur essendo stato organizzato in un momento estremamente complesso per il nostro territorio, testimonia come la scuola sia in grado, senza fermarsi, di far fronte alle difficoltà sociali della pandemia, reinventandosi con la didattica digitale, e facendo qualche cosa di estremamente innovativo per il miglioramento della società civile, con riguardo anche al contrasto dei crescenti radicalismi online».

Per informazioni:

Scuola polo per l'Educazione alle differenze

Istituto di Istruzione Statale «Oriani Mazzini» Milano

E-mail: educarealledifferenze@orianimazzini.edu.it

Collegamenti web:

https://milano.istruzione.lombardia.gov.it/educazione-alle-differenze-nellottica-del-contrasto-ad-ogni-forma-di-estremismo-violento/

https://orianimazzini.edu.it/index.php/educarealledifferenze/send/104-educazione-alle-differenze/1836-nuovo-volantino-scuola-polo-ambito-territoriale-milano-educazione-alle-differenze-nv-11-2020

https://www.orianimazzini.edu.it/index.php/educarealledifferenze

https://usr.istruzione.lombardia.gov.it/wp-content/uploads/2017/01/ArticoloEducarealleDifferenze.pdf

Nessun commento