articoli

MASCHILISMO E PATRIARCATO

Di Lidia Menapace (lista Lidia Menapace) | 24.10.2018


ll più maschilista e patriarcale dei governi che la Repubblica ha avuto da che esiste ha emesso il suo Diktat anche sull' aborto, come se in proposito non vigesse una legge, che si intitola correttamente "Legge per la tutela della maternità e sull'interruzione volontaria di gravidanza", la famosa 194. Il cui fine primario è la tutela della maternità: si chiede che il governo rispetti l'ordine di importanza degli argomenti già previsti da leggi vigenti e si pronunci sul loro mantenimento o cambiamento e comunque che cosa ha fatto o propone per la tutela della maternità che è il primo dei fini che la 194 si prefigge. Non mi ricordo che Di Maio abbia mai detto "cittadine, figlie, bambine", come se esistessero solo cittiadini, figli, bambini. Mi si risponderà che la regola è come Di Maio la usa, ed è vero, la regola grammaticale recita: "in italiano nelle concordanze PREVALE IL MASCHILE COME GENERE PIU' NOBILE": E IL GOVERNO CHE VUOL ESSERE CHIAMATO 'DEL CAMBIAMENTO, NON TROVA NE' TEMPO NE' INTERESSE A CAMBIARE UNA REGOLA DELLA GRAMMATICA, FISSATA NEL 15° secolo dai grammatici. Ci si chiederà perché le donne non abbiano protestato: erano analfabete, e così si capisce che se a uno o una viene celato il suo diritto, ne viene celata o resa più difficile pure la richiesta e che ad avere da governare un popolo la cui maggioranza è analfabeta è più facile portarlo dove si vuole. Solo di recente la legge sull'obbligo scolastico è fatta valere anche per bambine e ragazze e con ciò si è avuto il "sorpasso", cioè si  è constatato che le donne sono la maggioranza in ogni ordine e grado di scuola, come dice una dichiarazione di un paio d'anni fa del Consiglio di sicurezza delle N.U. che afferma: "LE DONNE SONO ORMAI  STABILMENTE LA MAGGIORANZA DELLA POPOLAZIONE DEL PIANETA E DI OGNI PAESE CHE LO COMPONE " emessa su richiesta fatta dalle donne che lavorano a New York nel Palazzo di vetro. Dunque prima di fare affermazioni non provate il governo del cambiamento cambi -di grazia- o aggiorni la sua ignoranza in proposito agli argomenti sui quali vuol presentare al Parlamento proposte di legge. Grazie lidia

2 commenti

Patrizia Caporossi:

Sempre in gamba la nostra Lidia. Grazieeeeeeeeeeee

Maria Laura Cattinari:

Grazie Lidia, sempre grazie!! personalmente faccio la mia battaglia contro il plurale maschile che oblitera il femminile inserendo un asterisco, nello scritto, al posto della "i" grammaticale. Tutt* per tutte e tutti, ad esempio. Quanto poi al governo "..più maschilista e patriarcale.." forse sì ma non so. Quando nel 2009 Berlusconi osò dire che "Eluana Englaro poteva avere un figlio"...credo che più maschilista e patriarcale di così non si possa andare!! Penso anche che molto ci meritiamo di tutto questo che accade. Viviamo in un mondo in cui la metà delle donne sono coperte da capo a piedi da Ciador e Burka e nell'altra metà, quella in cui ci crediamo libere, esibiscono, in ogni modo possibile ed in ogni circostanza, la lora avvenenza fisica. Conclusione: esiste solo il nostro corpo...dov'è la nostra Persona?