forum

LA PAGELLA.

Di Vincenzo Cottinelli | 29.05.2019


Questa mia foto ritrae un giovane maghrebino, figlio di immigrati, alla scuola media di Legnago, nel Nord-est, provincia di Verona. Ho pensato che così avrebbe voluto vivere il ragazzino annegato nel Mediterraneo con  cucita addosso la sua pagella scolastica. Allego il testo del Prof. Romano Luperini pubblicato su “L’immaginazione” dello scorso aprile, che trovo di straordinaria forza e lucidità.

Vincenzo Cottinelli

La dottoressa Cattaneo, che fa l’autopsia di chi affoga nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere dall’Africa l’Italia, ha scoperto che la salma di un ragazzo (avrà, dice, quattordici anni) proveniente dal Mali  aveva nei vestiti qualcosa d’insolito. Guarda meglio e scopre, scritta in arabo e in francese, la pagella scolastica (il “Bulletin scolaire”) del ragazzo, cucita in una tasca in modo che non andasse perduta, come sino a non molti anni fa facevano le madri dei nostri emigranti con qualche banconota e immagine devota che dovevano aiutare il giovane a sopravvivere nel paese straniero dove era diretto. Guarda meglio e vede che i voti sono tutti ottimi. Quel ragazzo era certamente fra i più bravi della sua classe. Riteneva evidentemente quella pagella  un bene prezioso da esibire in Europa al momento opportuno. Probabilmente, s’illudeva, gli europei non avrebbero potuto respingere un ragazzo così bravo. Vista la pagella lo avrebbero accolto e gli avrebbero dato un lavoro degno della sua preparazione.

Questo piccolo episodio mi ha turbato. Forse per qualche buona ragione che si presta ad alcune considerazioni: 1. I risultati scolastici ottimi erano per il ragazzo e la sua famiglia motivo di orgoglio e di speranza; 2. L’istruzione scolastica per lui e la sua famiglia era evidentemente un valore da salvaguardare e una garanzia di promozione sociale; 3. In Africa o comunque in quel paese del Mali si ritiene che l’Italia come qualunque altro paese europeo sia un paese civile capace di valorizzare i giovani che hanno ottimi risultati scolastici.

Dunque in Africa si crede che l’Italia riconosca l’importanza della scuola e della formazione che essa impartisce. Evidentemente si ignora che da noi i ragazzi o abbandonano la scuola prima del diploma o appena diplomati o laureati restano disoccupati e fuggono all’estero perché nel nostro paese nessuno riconosce il valore dei risultati raggiunti attraverso studi scolastici regolari.

Il mio turbamento insomma non nasce solo da motivi umanitari, ma anche da ragioni politiche. Non nasce solo dalla pietà ma dal riconoscimento che quel povero ragazzo era vittima di una illusione che in fondo anche noi condividiamo. L’Italia non è un grande paese civile?

Ma lo è davvero?Mi chiedo: chi sarebbe da preferire in un confronto di valori? Chi, insomma, è più civile? Quella famiglia del Mali che ingenuamente crede  in ciò in cui credevano sino a trent’anni fa i nostri padri oppure gli italiani che non accolgono il ragazzo, lo lasciano affogare nel Mediterraneo e, se fosse arrivato sano e salvo, ne avrebbero disprezzato la preparazione e la cultura, ritenendo le proprie “naturalmente” superiori?

Penso che la storia di questo adolescente andrebbe raccontata e discussa in ogni classe d’Italia. I nostri studenti, le loro famiglie e le stesse istituzioni scolastiche e governative  avrebbero molto da imparare da questo ragazzo africano e dal suo “Bullettin scolaire” inutilmente cucito in una tasca.

La dottoressa Cattaneo, che fa l’autopsia di chi affoga nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere dall’Africa l’Italia, ha scoperto che la salma di un ragazzo (avrà, dice, quattordici anni) proveniente dal Mali  aveva nei vestiti qualcosa d’insolito. Guarda meglio e scopre, scritta in arabo e in francese, la pagella scolastica (il “Bulletin scolaire”) del ragazzo, cucita in una tasca in modo che non andasse perduta, come sino a non molti anni fa facevano le madri dei nostri emigranti con qualche banconota e immagine devota che dovevano aiutare il giovane a sopravvivere nel paese straniero dove era diretto. Guarda meglio e vede che i voti sono tutti ottimi. Quel ragazzo era certamente fra i più bravi della sua ckasse. Riteneva evidentemente quella pagella  un bene prezioso da esibire in Europa al momento opportuno. Probabilmente, s’illudeva, gli europei non avrebbero potuto respingere un ragazzo così bravo. Vista la pagella lo avrebbero accolto e gli avrebbero dato un lavoro degno della sua preparazione.

Questo piccolo episodio mi ha turbato. Forse per qualche buona ragione che si presta ad alcune considerazioni: 1. I risultati scolastici ottimi erano per il ragazzo e la sua famiglia motivo di orgoglio e di speranza; 2. L’istruzione scolastica per lui e la sua famiglia era evidentemente un valore da salvaguardare e una garanzia di promozione sociale; 3. In Africa o comunque in quel paese del Mali si ritiene che l’Italia come qualunque altro paese europeo sia un paese civile capace di valorizzare i giovani che hanno ottimi risultati scolastici.

Dunque in Africa si crede che l’Italia riconosca l’importanza della scuola e della formazione che essa impartisce. Evidentemente si ignora che da noi i ragazzi o abbandonano la scuola prima del diploma o appena diplomati o laureati restano disoccupati e fuggono all’estero perché nel nostro paese nessuno riconosce il valore dei risultati raggiunti attraverso studi scolastici regolari.

Il mio turbamento insomma non nasce solo da motivi umanitari, ma anche da ragioni politiche. Non nasce solo dalla pietà ma dal riconoscimento che quel povero ragazzo era vittima di una illusione che in fondo anche noi condividiamo. L’Italia non è un grande paese civile?

Ma lo è davvero? Mi chiedo: chi sarebbe da preferire in un confronto di valori? Chi, insomma, è più civile? Quella famiglia del Mali che ingenuamente crede  in ciò in cui credevano sino a trent’anni fa i nostri padri oppure gli italiani che non accolgono il ragazzo, lo lasciano affogare nel Mediterraneo e, se fosse arrivato sano e salvo, ne avrebbero disprezzato la preparazione e la cultura, ritenendo le proprie “naturalmente” superiori?

Penso che la storia di questo adolescente andrebbe raccontata e discussa in ogni classe d’Italia. I nostri studenti, le loro famiglie e le stesse istituzioni scolastiche e governative  avrebbero molto da imparare da questo ragazzo africano e dal suo “Bullettin scolaire” inutilmente cucito in una tasca.””””

Romano Luperini

 

 

Nessun commento